Smart Working

Perché lo Smart Working?

Lo smart working consente al lavoratore di introdurre nella sua attività nuovi modelli organizzativi basati sull’equilibrio tra lavoro e vita privata.

Molti confondono, erroneamente, il telelavoro con lo smart working. Nel primo caso, sono semplicemente trasferite, nel luogo scelto dal lavoratore, le stesse modalità di lavoro aziendali, su tutte quella che vede un orario prestabilito da rispettare. Le tecnologie di cui è dotato il lavoratore servono solo ed esclusivamente a svolgere il proprio compito o al massimo, qualora fosse necessario, a comunicare con i colleghi. Tutto questo comporta un basso livello di autonomia da parte del lavoratore.

 

Nello smart working invece il modo di gestire, organizzare e svolgere i propri compiti è completamente diverso rispetto ai classici canoni aziendali: la persona ha piena autonomia su orari, luoghi e modalità di lavoro. Conta solo la qualità del compito svolto. Questa autonomia è basata su rapporto di fiducia tra dipendente e datore che non controlla più, costantemente, il lavoratore. In questo modo la persona si sente meno stressata e la sua creatività può avere libero sfogo, anche grazie a un uso diverso delle nuove tecnologie, mai come oggi fondamentali per condividere idee e collaborare con tutti quelli appartenenti alla propria comunità digitale.

 

Con lo smart working, luogo e tempo non sono più quindi gli elementi basilari del lavoro. Tutto questo porta anche uno snellimento dei carichi di lavoro, una maggiore responsabilizzazione dei dipendenti, un abbattimento dei costi e una modernizzazione delle strutture aziendali.

L’utilizzo dello smart working quindi porta elevati benefici alle aziende, anche in virtù della drastica riduzione dei costi del lavoro. Le imprese, solo per elencare alcune spese, risparmiano sui buoni pasto, diminuiscono le richieste di permessi e giorni di malattia e soprattutto si riducono gli spazi di lavoro, il che vuol dire avere meno costi vivi (es. bollette).

 

Per tutti quelli che temono che questo modo di lavorare possa creare una generazione di lavoratori sfruttati perché sempre connessi e controllati, il timore è comprensibile, ma almeno sino a questo momento sembra essere sbagliato. Chi sceglie questo tipo di lavoro tende a sfruttare a pieno il proprio diritto alla disconnessione, usufruendo di questi sistemi quasi esclusivamente in occasione degli orari di lavoro scelti. Inoltre, come detto in precedenza, il rapporto di fiducia tra datore di lavoro e collaboratore, finalizzato al raggiungimento del risultato concordato, tende a disincentivare comportamenti di controllo e sorveglianza.

Cos’è lo Smart Working?

L’utilizzo e l’evoluzione delle nuove tecnologie, ha fatto sì che nel mondo del lavoro, in molti settori, non sia più necessaria la presenza fisica del dipendente sul luogo di lavoro. Internet, i nuovi dispositivi elettronici, il cloud, sono tutti strumenti che stanno favorendo questa rivoluzione.

 

Meno persone in ufficio, più a casa oppure in differenti luoghi interconnessi e adibiti a postazioni di lavoro: lo smart working, o lavoro agile, sta velocemente trasformando alcuni punti, da sempre considerati fondamentali e imprescindibili, del mondo dell’occupazione.

 

Il cosiddetto lavoro intelligente e l’innovazione digitale, oggi operano e camminano insieme, proponendo un’evoluzione del mercato del lavoro dove il come, quando e perché passano in secondo piano, a favore soprattutto dell’importanza del risultato e della prestazione. Ogni persona può scegliere, in piena autonomia, il proprio tempo di lavoro: in questo modo migliora la qualità del tempo, l’efficienza personale e quindi la produttività.

 

In Italia il fenomeno è in forte espansione. A praticare questa modalità di lavoro, secondo i dati forniti dall’Osservatorio sullo smart working del Politecnico di Milano, sono circa duecentocinquanta mila persone, circa il 7% del totale del lavoratori, un dato in crescita, +40%, rispetto al 2013. Nel 2016 il 30% delle grandi imprese del nostro territorio ha realizzato progetti di smart working, il 17% in più rispetto all’anno precedente. Tra le PMI invece ben il 18% afferma di volerlo introdurre quanto prima, certe dei benefici che produrrà, in azienda come nella vita personale, il nuovo approccio ai modelli organizzativi aziendali.

Lo smart working di Oltriamo®

Success & Business Strategy

Noi di Oltriamo®, siamo convinti che realizzare un progetto di smart working, voglia dire affiancare e seguire l’imprenditore in ogni suo passo, condividendo con lui tutte le nostre conoscenze perché solo così si può creare una struttura dotata di solide fondamenta.

Lo smart working si sta consolidando giorno dopo giorno e siamo convinti che presto diventerà la principale realtà organizzativa nel mondo del lavoro.

 

La nostra voglia di aiutare le persone e di favorire la nascita e lo sviluppo di un nuovo modo di vivere il lavoro e l’azienda, ci fornisce la spinta necessaria per fare il nostro lavoro con passione e divertimento.

Ci occupiamo di offrire una consulenza in ogni ambito: da quello organizzativo a quello legale e normativo, con l’analisi dei testi di legge, sia italiani che stranieri.

Vogliamo, offrendo il supporto dei nostri consulenti e dei nostri smart coach, essere al fianco di tutti quegli imprenditori e manager che hanno deciso di cambiare le cose nelle loro aziende.

 

Il nostro obiettivo è promuovere la diffusione dello smart working soprattutto all’interno delle piccole medie imprese. Nonostante esse rappresentino il 95% delle realtà imprenditoriali presenti nel nostro Paese, pari quindi a circa i 2/3 del PIL nazionale, la cultura dello smart working è ad oggi diffusa principalmente all’interno delle grandi corporazioni, di quelle aziende di vaste dimensioni, dotate di una cultura del management già sviluppata in ogni settore della propria attività.

Ci piacerebbe quindi favorire il cambiamento, attraverso il nostro lavoro fatto di consulenze strategiche, percorsi di coaching e di innovazione digitale, finalizzati a far compiere un passo in avanti verso un nuovo modello organizzativo ed economico.

 

Se sei interessato ad approfondire l’argomento, a chiedere informazioni sui nostri servizi, un preventivo o anche semplicemente a discutere sul tema dello smart working, puoi visitare le sezioni del blog dedicato http://italiansmartworking.com/ o scriverci attraverso il form contatti. Ci metteremo subito in contatto con te!

CONTATTACI

ARE YOU READY? GET IT NOW!
Increase more than 500% of Email Subscribers!
Your Information will never be shared with any third party.
NON PERDERTI NESSUNA NOVITÀ!
Ricevi i nostri aggiornamenti sulla consulenza aziendale e sul coaching.
Teniamo alla tua privacy, non condivideremo mai i tuoi dati.