Ti svelo la verità sul time management

Ti svelo la verità sul time management

Non c’è mai abbastanza tempo, vorrei che la giornata fosse di 48h per fare tutto quello che devo fare, non ho tempo per dedicarmi a me stesso o a qualcosa che mi piacerebbe fare.

Capita anche a te che la sera ti senta esausto per aver fatto tante cose ma frustrato per non averne fatte abbastanza? Ti capita di sentirti come un mulino a vento, trascinato dagli eventi senza aver prodotto ciò che volevi?

O magari anche tu ti porti il lavoro a casa perché non sei riuscito a completare tutti gli impegni quotidiani e quel lavoro urgente deve essere pronto per domani?

E quante volte hai scadenze imminenti e devi impegnarti per forza anche se quell’attività proprio la odi?

Sai perfettamente che se non rispetti le scadenze, se procrastini quello che non ti va proprio giù, o se corri dietro gli impegni, non farai altro che accumulare le cose da fare, con conseguente aumento di ansia, stress e arrabbiature varie.

Di fatto, il tempo ti stressa. Quel tempo che è una risorsa preziosissima, perché è:

  • Necessaria (sempre)
  • Infungibile
  • Deperibile
  • Diffusa

Ma è anche e soprattutto… LIMITATA!

Ecco che allora ti trovi a desiderare una giornata di 48h, o a sperare in collaboratori più efficaci; e magari vai in palestra per scaricare la tensione, o magari cerchi qualche corso sulla gestione del tempo per ottimizzare quello che hai a disposizione.

Ora, se ti sei imbattuto in queste ricerche avrai visto che ci sono moltissime soluzioni sul mercato, e-book gratuiti, corsi on line, corsi più strutturati e/o costosi e ti chiedi: serviranno veramente? Sotto sotto ti dici : va bene forse è solo teoria!

Probabilmente sì, è solo teoria, perché devi sapere che di tecniche di gestione e schedulazione del tempo ce ne sono tante, e negli ultimi anni il numero di corsi si è moltiplicato, insieme con le tecniche per i reminder, gli appunti, le check list, la compilazione di calendari e agende, per non parlare poi delle mille App di produttività per smartphone.

Ma se hai provato queste soluzioni, sai già che il miglioramento, quando c’è, è piuttosto limitato, e comunque non è mai veramente sostanziale. E se non le hai mai provate, mi sento di sconsigliartele se il tuo problema con lo “stress da tempo” è così radicato e diffuso che non può essere risolto soltanto con la “tecnica del pomodoro” o di qualunque altra verdura dell’orto.

Ma perché queste soluzioni non sono veramente efficaci?

La risposta è elementare: non puoi risolvere un problema se non comprendi cosa lo ha originato. Non puoi sperare di curare gli effetti se non agisci sulle cause. Non puoi cambiare il come, se non comprendi il perché.

E ciò è tanto più vero quando si parla di un’esperienza assolutamente soggettiva qual è la nostra relazione con il tempo.

Non a caso, oggi l’attenzione sulla gestione del tempo si sta spostando, da come controllare e pianificare gli impegni a come TU percepisci il tempo.

Insomma, se vuoi essere davvero efficace nel tuo time management, non basta gestire la tua agenda, devi gestire te stesso!

Ti dico questo perché gli studi su come la nostra mente percepisce il tempo sono andati molto avanti negli ultimi anni. Oggi, le neuroscienze ci aiutano a capire come funziona il nostro cervello mentre le applicazioni in campo psicosociale ci aiutano ad utilizzare queste conoscenze per la nostra vita quotidiana.

Una importante società internazionale, Emergenetics® International, in oltre 30 anni di studi e ricerca, ha elaborato un questionario all’avanguardia, basato proprio su neuroscienze e psicologia sociale, che ci consente di capire come funziona il nostro cervello, quali sono le nostre preferenze di pensiero e di comportamento, e perché alcune attività che per alcuni sono semplici, ad altri risultano estremamente complesse.
Per questo aziende del calibro di Microsoft, IKEA, Western Union, Apple e Nespresso, si sono affidate a Emergenetics per la gestione delle relazioni, il miglioramento delle performance e l’aumento della produttività.

Questo strumento eccezionale è in grado di far emergere il tuo stile di pensiero e di comportamento per darti autoconsapevolezza di come percepisci il tempo e quali tendenze di comportamento hai per la gestione delle attività quotidiane.

E’ in questo modo che si passa dalla teoria alla pratica, perché solo così gli strumenti, le tecniche, i metodi e le App diventano davvero applicabili a te, ovvero a come TU preferisci comportarti, a come TU preferisci percepire il tempo!

Fondamentalmente, è nel nostro cervello che risiede la spiegazione del perché.  Perché per te è più pesante rispetto ad altri segnare ogni attività in agenda; perché per alcune persone è semplice dire di no quando viene loro fatta una certa richiesta, mentre altre tendono a dire troppo spesso di sì, caricandosi di una insostenibile mole di lavoro; perché tu preferisci procrastinare alcune attività, anche se sono urgenti, e concentrarti su altre che ti piacciono di più. E così via, analizzando l’infinita varietà dei comportamenti umani riguardo alla soggettiva gestione del tempo.

Perciò, non continuare a creare alibi e scopri le tue preferenze cognitive e comportamentali applicate alla gestione del tempo per renderti più efficace e produttivo, nel lavoro e nella vita personale.

Scegli anche tu di gestire il tempo con le neuroscienze, come hanno fatto molti lavoratori, mogli, mariti, imprenditori, professionisti e amici all’avanguardia, che hanno creduto e investito nella propria crescita personale e professionale.

Gestisci te stesso e aumenta subito la tua efficacia!

Se vuoi saperne di più contattaci utilizzando il form contatti che trovi in fondo alla pagina e ti darò tutte le informazioni che ti servono.

Rosanna Silenti,
CEO e Consulente Strategico

Articoli correlati